Mostre in corso

Pietro Ghizzardi
Il mare e una bella donna da baciare

Inaugurazione: Mercoledì 10 novembre 2021, alle 18.30
In mostra dal 11 novembre 2021 al 28 gennaio 2022

A cura di Davide Macchiarini

Dopo la mostra di Pietro Ghizzardi all’American Folk Art Museum di New York siamo onorati di presentare a Milano, in una personale in galleria a cura di Davide Macchiarini, l’opera di questo pittore contadino e di aggiungere solo un piccolo tassello alla sua crescente fortuna sullo sfondo della bassa padana. Lo immaginiamo nascondersi, lui così schivo e riservato, dietro una delle potenti tele in mostra e ammiccare con il suo sorriso sdentato alla fama finalmente raggiunta. E meritatissima. Ghizzardi riporta sui cartoni di recupero, dipinti da ambo le parti, il duro lavoro contadino. I suoi colori sanno di terra, di erbe masticate, fiori e mattoni sgretolati. Pochi toni essenziali su cui prevale il nero della fuliggine e del carbone, un segno crudo che solca i volti e delinea i corpi. I ritratti in mostra mettono in luce sguardi e passioni, dolori nascosti e ironia: quell’universo femminile da cui Pietrone è così attratto e respinto allo stesso tempo.

Le “sue” donne ci guardano con occhi intensi e profondi, sempre spalancati che rimangono dentro anche quando si smette di guardarli. Espressionista d’istinto, la pittura di Ghizzardi sconvolge qualsiasi concetto classico di bellezza ma esprime un sentimento emotivo inconscio che dona all’opera una particolare vitalità.

Emarginato dalla società che si va industrializzando, Ghizzardi rimane legato alla terra che gli fornisce i mezzi per la sua pittura e trova nell’arte autoaffermazione e ragione di esistere. La sua è opera di memoria come si evince anche dalla sua autobiografia “Mi richordo anchora” con note di Cesare Zavattini che nel 1977 vince il premio Viareggio. È forse per questo meno attuale? L’artista Ghizzardi riesce in una sintesi perfetta, compiendo una connessione creativa tra il c’era una volta e il presente.

Pietro Ghizzardi

I commenti sono chiusi