Martino Fiorattini

Martino Fiorattini nasce a Casteldidone, piccolo comune al confine tra le provincie di Cremona e di Mantova nel 1928 e muore a Casalmaggiore (Cremona) nel 1997. Personaggio mite e socievole Martino, come lo chiamavano tutti in paese, è figlio di contadini e unico di tre fratelli a non emigrare. Continua il lavoro nei campi dei genitori e diventa un apprezzato coltivatore di meloni, una delle eccellenze di quel territorio. Inspiegabilmente, dopo i 50 anni Fiorattini comincia a dipingere nonostante tutti in paese la considerassero una stranezza. Lui ha ormai imboccato la sua strada, di artista autodidatta, e continuerà a dipingere in modo compulsivo sino alla fine dei suoi giorni. Sposato con Francesca Delvò, diventa pittore consapevole all’inizio degli anni Ottanta, quando i figli, Paola del ’57, Angela del ’62 e Maurilio (’55), sono ormai grandi. Martino non vende i suoi quadri, li dipinge soprattutto per dar sfogo a una sua esigenza interiore. Li racconta e li regala solo a qualche amico.